feb 14, 2014

Inserita da | 32 Commenti

Pasta al forno glutenfree (‘e Fusilloni giganti) e invernale

Pasta al forno glutenfree (‘e Fusilloni giganti) e invernale

…ma anche pasta al forno dell’amore tutta rossa e pasta al forno di carnevale multicolor!

Il tema del glutenfree (vedi ricette senza glutine inverno) è sempre stato importante nella cucina ecozoica, che tende all’equilibrio per la salute, l’etica e l’ambiente.E anche per accontentare molte amiche che hanno l’esigenza di escludere il glutine dalle loro diete. Lo stimolo stavolta è rinforzato dalla partecipazione a un contest a tema glutenfree del blog Celiacaperamore, con la partecipazione della Fabbrica della Pasta di Gragnano: Un fusillo per capello. Quindi una ricetta pazzerella adatta a me, che in cucina mi piace divertirmi e cercare sempre nuovi accostamenti. Se il mio piatto di pasta vi piace andate a votarlo. Seguite la procedura sotto descritta.

- Primo passo

cliccare QUI

- Secondo passo

Vi trovate sul post del contest,  andate in fondo, trovate la lista dei partecipanti. Selezionare la casella vicina alla mia ricetta con il titolo: “Fusilloni al forno invernali”, e poi andare giù alla fine della lista e cliccare su ‘vote’.  Lo so, è un po’ complicato, per cui ringrazio doppiamente chi mi voterà, per l’amore e la pazienza che dimostra.

Stavolta vi propongo una pasta al forno invernale. Si ritiene a torto che le verdure estive siano l’ingrediente ideale di una pasta al forno, e via con pomodori, zucchine e melanzane anche in inverno. Sembra quasi una contraddizione che Madre Natura abbia assegnato a queste verdure un periodo di crescita estivo, quando meno il forno si accende meglio è. Ma è semplicemente una questione di cattive abitudini, meglio i veleni dell’agricoltura contro stagione piuttosto che mettersi a cercare un’alternativa naturale (persino a più buon mercato).

Qui vi dimostrerò che in inverno si può persino fare a meno non solo dei pomodori ma anche della passata e della conserva per fare un’ottima pasta al forno, con verdure rigorosamente di stagione, che vi donerà equilibrio psicofisico personale e cosmico. Il sugo finto, come chiamano qui in Sabina il sugo di pomodoro senza carne, in realtà non si capisce perché sia chiamato così, visto che il pomodoro c’è. Sicuramente sono il pomodoro e la sua qualità a fare il sugo, non certo la presenza di materie crudeli, del tutto accessorie. Ma dato che in inverno meno pomodori mangiamo e meglio è, per cercare di evitare anche il consumo di pomodori conservati ho voluto provare un vero sugo finto invernale: senza pomodoro. Bello rosso rosso e non meno gustoso.

Insieme al ragù veramente finto (che prevede un pazzo accostamento) mi sono divertita a trovare un modo di presentare la pasta al forno che rispondesse al titolo del contest: “un fusillo per capello”. E dal sugo veramente finto sono usciti per contorno degli strani personaggi!

 

Ingredienti

‘e fusilloni giganti, circa 250 g
Sugo veramente finto preparato a ragù, un bel pentolino
Una piccola MaViella lupina (o MaViella  o mozzarella di riso, si trova anche già pronta)
Besciamella-ricotta di castagna e batata (una tazza)
Un etto di castagne secche bollite
Pangrattato di nachos
Granella di pistacchi
Olio evo bio

 

Procedimento

Una volta preparati gli ingredienti elencati (spiegazione in appositi post a venire) procedere nel solito modo: cospargere di sugo veramente finto il fondo della pirofila,

mescolare i fusilloni con qualche mestolo di sugo e adagiare il primo strato sul fondo. Poggiare la MaViella a pezzetti, cospargere con besciamella-ricotta, e disseminare le castagne.

Aggiungiamo anche qualche altro ingrediente avanzato dal ragù finto.

Ricoprire con la pasta rimasta e aggiungere qualche altro mestolo di sugo.

E’ proprio adatta a una tavola da san Valentino, o da grandi occasioni galanti…

Spargere il pangrattato di nachos e la granella di pistacchi, un bel giro di olio evo bio e poi in forno per una ventina di minuti a 180° (vedi foto di copertina). Il pangrattato di nachos lo faccio usando i pezzetti sbriciolati della confezione, ce ne sono sempre in abbondanza: li metto in un mortaio e li pesto ben bene, e il pangrattato senza glutine è pronto.

Impiattamento stile “Un fusillo per capello”.

E impiattamento classico.

Il fusillone al sugo invernale in primo piano.

Due parole sulla pasta glutenfree della Fabbrica della Pasta di Gragnano. Intanto faccio i complimenti alla creatività dei loro formati che già conosco e apprezzo. Ringrazio anche per l’omaggio inaspettato delle caccavelle glutenfree. Si può dire che se ho partecipato a questo contest, cosa che faccio molto di rado, è proprio per la formula di assaggio di questo nuovo tipo di pasta e il dono che premia già tutti i partecipanti, senza far sentire nessuno escluso. Io sono innamorata della pasta fin da frugola, ma so anche che mangiarla tutti i giorni è un problema per l’eccessivo assorbimento di glutine, che non fa bene neanche a chi è sano. Quindi sono felice che esistano sempre nuove alternative glutenfree, sia per le nostre amiche e amici celiaci, e sia per noi che vogliamo avere una dieta equilibrata (ma amiamo la pasta alla follia!). Gli ingredienti sono ecozoici: farina di riso e di mais con acqua. Magari si potrebbe migliorare usando farine biologiche. Il sapore è ottimo, la consistenza tiene molto, anche troppo. Vi consiglio di farne la quantità che consumate, non lasciatene da parte, perché tende ad asciugare e tornare allo stato secco. Infatti i miei personaggi fusilloni, preparati il giorno prima sono risultati quasi immangiabili! Comunque io l’ho cucinata in anticipo per necessità sceniche, ma voi preparate e mangiate senza stare a pensare a foto e impiattamenti da foodblogger! E non avrete nessun problema, solo una grande esperienza di gusto, e non solo per il formato.

Le altre preparazioni necessarie per questa pasta al forno invernale le inserirò man mano nei prossimi giorni, spero entro la scadenza del contest. Mi affretto a pubblicare così, per poter partecipare alla votazione.

Due notizie per concludere: è trascorso un anno dal ritorno online di Cucinaecozoica, passata da .it a .com. Come avrete notato in questa nuova veste non ho  avuto più problemi di sparizioni misteriose! :lol:

E un link editoriale al posto del solito link musicale. Vi annuncio  rapidamente che il libro è  pronto, ecco a voi:

Vongole felici (Stampa Alternativa)!

E come altro si poteva intitolare?

Domani dovrebbe arrivare in casa editrice dalla tipografia e la prossima settimana dovrei averlo fra le mani. La cucina ecozoica sarà d’ora in poi consultabile su carta, un mezzo molto più affidabile del virtuale, che appare e scompare.

Buon amoroso carnevale a tutt°

 

feb 14, 2014

Inserita da | 32 Commenti

  1. Cono dice:

    che amore! tutto bellissimo e sorprendente come al solito – e tanti auguri per la tua creatura

    • MaVi dice:

      grazie e abbraccio oval-fusillo
      ;)

      • Cono dice:

        arrivato il libro?

        • MaVi dice:

          sì, è arrivato! Sono felice come le mie vongole scampate!
          ;)

  2. Celiacaperamore dice:

    Te l’ho già scritto via email: sei un genio!!!!
    Grazie per questa ricetta fichissima!

    • MaVi dice:

      i fusilloni e il tuo contest mi hanno ispirato, grazie a te!
      abbraccio oval-fusillo
      ;)

  3. cris dice:

    beh non credo sia difficile da indovinare…mi piace da morire la faccina pazza con la barbabietola e la pasta per capelli :)
    mi piacciono tantissimo questi stupendi colori :)
    Mi piace tantissimo l’impiattamento per San Valentino, pensare a te e Stefano che festeggiate insieme :)
    Si’ forse è la cosa che mi piace di piu’ di queste magnifiche creature della tua fantasia…l’Amore che le lega tutte in un unico abbraccio meraviglioso :)
    Buonissimo post San Valentino carissima a te e a tutti quelli che ti riempiono la vita d’Amore :)
    Sono felicissima che il tuo libro sia ora disponibile :) Ne farò di certo buon uso :)

    • MaVi dice:

      Sì, questi colori piacciono anche a me, da due-tre giorni hanno invaso la cucina e mi hanno portato una ventata di primavera anticipata.
      E’ stato un Valentino molto tranquillo davanti al fuoco, leggendo un romanzo giallo :lol: sono in vena di evasione! Ho compiuto troppe fatiche monumentali negli ultimi tempi. Sono certa che il mio libro si troverà bene con te.
      abbraccio oval-fusillo
      ;)

  4. Stefano Panzarasa dice:

    Vorrei avere io questa faccia bellissima e tanti fusilli per capelli…
    Mi ricorda quando ero un cantante punk…
    E’ la prima maschera ecozoica!
    Un San valentino dedicato a Gaia, la nostra cara Madre… E chi sarà il compagno di Gaia? Lo sapremo nell’Era Ecozoica…

    • MaVi dice:

      I capelli non ti mancano per fortuna, certo i tuoi sono più spaghetti che fusilli! :lol:
      Però pensando alle tue foto da punk in calzoni rosa e capelli dritti, sì c’è una qualche somiglianza col personaggio fusillone! è vero, una maschera ecozoica, ben detto.
      Il compagno di Gaia potrebbe essere Gaio, ma bisogna trovare una compagna anche a Valentino, santo e single, magari la Valentina di Crepax? :lol: (qui parla la maschera fusillona, che mi ha tolto il mouse di mano)
      ;)

      • Stefano dice:

        Sì, la maschera di un punk anarchico ecozoico…
        D’altronde l’Era Ecozoica sarà un’era anarchica, la consapevolezza ecozoica e anarchica farà dimenticare leggi e punizioni varie…

        • MaVi dice:

          Anarchia vuol dire massimo senso di responsabilità e pensare come noi anziché come io. A questo punto si procede all’unisono, con molta naturalezza.
          ;)

  5. giulia dice:

    Carissima questa tua ricetta con la pasta gluten free mi ha
    conquistata; anch’io cerco di non eccedere con il glutine e quindi spesso sostituisco la pasta con il riso, con la polenta, con il
    grano saraceno ecc.
    Mi metterò alla ricerca di questa pasta particolare.
    Un abbraccio a te e a Stefano. Giulia.

    • MaVi dice:

      Fai benissimo ad alternare i cereali con glutine e senza glutine. Sono contenta che questa pasta al forno invernale ti sia piaciuta, se la trovi e la provi fammi sapere!
      abbraccio oval-fusillo
      ;)

  6. Lo dice:

    complimenti per il libro!!! La copertina è davvero carina! E anche per questa ricetta così ricca di allegria e fantasia….questo sugo veramente finto è da provare.

    • MaVi dice:

      Sono contenta della tua prima impressione positiva del libro. Per sfogliarlo ci vorrà ancora qualche giorno, a me arriva domani.
      E il sugo sarà presto in pubblicazione.
      abbraccio oval-fusillo
      ;)

  7. Stefano dice:

    FELICITAZIONI! FELICITAZIONI! FELICITAZIONI!
    (Se non sbaglio lo cantavano i CCCP alla fine degli anni ’70 in una bellissima canzone punk… Ccontrolla MaVi per i tuoi link musicali…)
    Dunque ancora felicitazioni per “Vongole felici”. Un capolavoro e, te lo auguro di cuore, un “classico” per il futuro ecozoico…

    • MaVi dice:

      Mai sentita questa canzone, vado a cercarla.
      Grazie, le “felicitazioni” qui cascano proprio a cecio! :lol:

      • cris dice:

        Ma nooo dai :) i CCCP :)
        Stefano…mi piacevano un sacco :)
        che ridere che piacciano anche a te :)
        Boh…non ricordo bene tutte queste cose di cui parli tu carissima Fatina…sono così negativi? Sono secoli che non li ascolto e ricordo pooocooo, me li aveva fatti conoscere quello che a quei tempi era il mio ragazzo…e quindi, quando mi ha piantato, ho smesso di ascoltarli, per dimenticarlo…e li ho dimenticati insieme a lui…che fatica titanica l’amore…avendo sempre vissuto solo il lato negativo (cioè l’amore non ricambiato) parlandone così sembra la cosa peggiore della vita, mentre invece è tanto importante… :)
        Comunque i CCCP erano di certo persone intelligenti…via almeno quello! :)

        • MaVi dice:

          i CCCP non li ho mai seguiti, non conosco la loro musica. Sono solo capitata sul video della canzone che Stefano mi aveva dedicato, Felicitazioni (ma il titolo vero è “Spara juri”, il che è già poco ecozoico). Non so se è un video ufficiale o messo lì da altri, è una serie di immagini in bianco e nero molto splatter, fra cui un tizio che si taglia l’occhio in diretta… ecco perché l’ho decisamente scartato. Sul resto del loro repertorio musicale non so cosa dire perché come ti ripeto non li ho mai ascoltati. Proverò con qualcos’altro…
          Il tuo ex fidanzato penso che se è una bella persona si starà mangiando le mani, avendo perso un simile tesoro, se invece non lo è meglio per te che ti sei liberata da una zavorra esistenziale. Come si suol dire, meglio soli che male accompagnati! Per te il meglio deve ancora venire, garantito.
          abbraccio oval-fusillone
          ;)

    • MaVi dice:

      Ho sentito e visto i CCCP… e ne starò bene alla larga! La protesta è ok, ma espressa con il linguaggio del sistema dominante (leggi: violenza e sadismo gratuiti) è inutile. Uno sfogo fine a se stesso. Ecco perché certi movimenti per il cambiamento si esauriscono in un nulla di fatto.
      Voglio un’altra canzone di auguri, più ecozoica!
      ;)

      • Stefano Panzarasa dice:

        Vabbé, hai ragione ma io la canzone l’ascoltai nel lontano 1980 (credo…) e all’epoca i video non li vedevo… Le felicitazioni rimangono ma cercherò un’altra canzone…

        • MaVi dice:

          allora attendo altri auguri musicali!
          ;)

          • Stefano Panzarasa dice:

            https://www.youtube.com/watch?v=iCQ0vDAbF7s

            “Shiny happy people” – Tutti felici per te come delle Vongle felici…!

            Gente felice, lucente che si da’ la mano
            Gente felice, lucente che ride… (dal testo)

            • MaVi dice:

              Sì, questa va decisamente meglio. L’avevo anche già linkata ai Cotechini sorridenti!
              http://www.cucinaecozoica.com/cucina-ecozoica/cotechini-sorridenti.php
              Vediamo se mi trovi un inedito! :smile:

              • cris dice:

                boh, non apro i video perchè ho il pc lento, ma rilancio io (chiedendo a Stefano), senza sapere se è un inedito, con una canzone stupidolosa che comunque era divertente (viva le risate) :) “ça plane pour moi” di Plastik Bertrand :) ahahaha :) molto profonda la frase “i’m the king of the divane” :) un concentrato di filosofia, faceva ridere :)

                • MaVi dice:

                  Il nome mi dice qualcosa, andrò ad ascoltarla con calma – domani su un bel ‘divane’
                  ;)

                  • MaVi dice:

                    Sì, credo di averla già sentita. Un bel ritmo spensierato. Il testo è piuttosto surreale, l’ho ascoltata un po’ di corsa, mi pare una fiaba buffa, basta che non suggerisca a chi la ascolta che bere alcool è divertente e innocuo, dato che anche molti simpatici animali lo fanno… La potremmo ballare allegramente sorseggiano le nostre buone spremute di frutta!
                    ;)

  8. roby dice:

    gustosa e da veri intenditori

    • MaVi dice:

      grazie Roby, troppo gentile, benvenut* nella Cucina ecozoica. Se la provi fammi sapere!
      ;)

  9. La Fabbrica della Pasta di Gragnano dice:

    Saporiti Saluti dalla Fabbrica della Pasta di Gragnano!

    Ci complimentiamo anzitutto per la entusiasmante ricetta con i fusilloni giganti.
    Aspettiamo altre nuove emozionanti ricette da tutti voi!

    Vi aspettiamo in Fabbrica per mostrarVi dal vivo
    la nostra Pregiata produzione Artigianale!
    Per maggiori info vi aspettiamo sul nostro sito
    http://www.lafabbricadellapasta.it
    http://www.lafabbricadellapastasenzaglutine.com

    La Fabbrica della Pasta di Gragnano

    • MaVi dice:

      Grazie dei complimenti e dei saluti saporiti, è un onore riceverne da maestri pastai come voi.
      Io ho delle ricette in archivio con le caccavelle glutenfree e forse anche con altri vostri formati, ma finora non sono riuscita a pubblicarle, vedremo in futuro.
      A Gragnano sono passata una volta, ma era orario di chiusura dei negozi e quindi non ho visitato i pastifici. Se mi dovesse ricapitare verrò volentieri a trovarvi. Nel frattempo faccio un giro sul sito.
      Buon saporito lavoro
      ;)

Inserisci un commento!


− 5 = uno