ago 24, 2011

Inserita da | 28 Commenti

Gazpacho trasgressivo

Gazpacho trasgressivo

Gli ultimi piatti pubblicati nella Cucina ecozoica sono decisamente troppo cotti, nonostante il periodo estivo abbiamo fatto un uso eccessivo del forno… Vorrei quindi ripristinare un corretto equilibrio ecozoico, mostrandovi qualche piattino della mia cucina quotidiana di questi giorni… Certo, nel sito cerchiamo di pubblicare i piatti meglio riusciti, che sono di solito quelli della domenica, ma la cucina ecozoica è anche quella semplice e leggera adatta a tutti i giorni!
Ringrazio Valdo Vaccaro che ha elogiato la nostra cucina ecozoica nonostante tutto! Riporto da una mail di risposta a Stefano, che ovviamente gli ha parlato di noi:

“Ciao Stefano, grazie del messaggio e del video, e complimenti alla Mariagrazia e alle delizie che mi hanno fatto venire la sana acquolina in bocca, anche se in questo momento dell’anno sto facendo un’ottima cura dei fichi neri che non lascia spazio a troppe distrazioni alimentari.
Un caro saluto. VV”

Valdo molto carinamente mi ha autorizzato a riportare questo commento che ci ha fatto molto piacere e ci conferma la bontà della nostra strada ecozoica, anche se nelle ultime ricette abbiamo trasgredito parecchio! Anche trasgredire (ogni tanto) fa comunque bene al sistema immunitario!

Ma adesso torniamo sulla retta strada ecozoica! Perlomeno, io ci sono tornata!

A colazione tanta frutta! Soprattutto fichi in questi giorni! insieme a una noce!

A metà mattina acqua fresca con limone (senza zucchero) e una liquirizia che ci ha portato in regalo dalla Calabria un collega di Stefano (anche questa senza zucchero). Io di solito non faccio spuntini… ma se lo facessi sarebbe a base di frutta!

A pranzo tutto crudo, prima la frutta, di solito una bella fettona di cocomero, e poi le verdure di stagione variamente combinate, comunque crude (pomodoro, cetriolo, zucchina, peperone, cipolla, cavolo crauto eccetera).

Il pomeriggio di nuovo acqua e limone! (e se lo volessi un frutto!)

A cena ancora frutta a inizio pasto, poi una bella insalatona a foglia verde, con cipolla, pomodoro, olive, basilico e origano (questo è il classico base) e infine un piatto cotto molto leggero, si va dal brodo vegetale tiepido-freddo a un mix patata-zucchina o patata-peperone, melanzane eccetera, di solito a vapore o in umido (con poco pomodoro). Con qualche semino.

Di regola niente glutine, niente pane e niente pasta. Niente caffè, tè e vino. A volte un po’ di miglio, grano saraceno, quinoa e riso. La domenica trasgressione glutinosa! Pasta o altri cereali.

Questo è il mio modo di mangiare questa estate! Ho cercato di diventare crudista full-time ma non ci sono riuscita… questo è il mio compromesso…

Uno dei piattini che mi piace molto soprattutto in questi ultimi giorni di calura (che per fortuna questa estate sono stati pochi!), è il gazpacho, che nella sua versione tradizionale prevede un accorto riciclo di pane un po’ stantio… ma dato che per un po’ ho deciso di non mangiarne e volevo comunque gustarmi un bel gaspacho a pranzo, ho trasgredito! L’ho fatto senza… e strada facendo ho fatto anche altre piccole trasgressioni che vedrete!

Certo per me è quasi paradossale fare trasgressioni in un piatto che nasce vegan!  Quindi una trasgressione nella trasgressione, la massima goduria!

 

Ingredienti (per due persone ecozoiche)

Due pomodori ben maturi degli orti del vicinato, di diversa qualità (uno di quelli schiacciati e bassi con mille pieghe, che tagliato a fette è tanto coreografico e uno di quelli da insalata locali)
Mezzo cetriolo
Mezzo peperone rosso
Uno spicchietto di cipolla
Uno spicchio d’aglio
Succo di mezzo limone
Un pizzico di peperoncino in polvere Garofalo
Un pizzico di merkén
Sale a proprio gusto
3 cucchiai di olio evo sabino
Qualche foglia di basilico dai vasi
Un cucchiaio di alghe nori tritate

Partendo trasgressiva per aver deciso di non mettere il pane, mi sono concessa altre scantonate! La prima: ho deciso di non farlo riposare in frigo, dato che da qualche parte ho letto che le virtù antiossidanti di questo piatto si perdono se non viene consumato immediatamente… Allora ho pensato: che mangio a fare un crudo che poi contiene le stesse sostanze del cotto? o meglio non ne contiene più come il cotto?
Ho risolto la faccenda mettendo le verdure che volevo usare in frigorifero, così la zuppa sarà lo stesso piacevolmente fresca! I pomodori infatti non li tengo di solito in frigo, li lascio a temperatura ambiente, così con quelli più maturi man mano faccio il sugo o li uso in vario modo nei piatti cucinati. In frigo metto solo gli ortaggi che vedo in vistoso deperimento, altrimenti li lascio fuori.
Dunque, lavo bene tutte le verdure e le tagliuzzo, lasciando da parte dei pezzetti per eventuale decorazione.  Comincio a passare al mixer i pomodori, poi aggiungo i peperoni e rifrullo, poi i cetrioli e rifrullo. Alla fine metto il resto degli ingredienti, cipolla, aglio, basilico (anche questo mi sa che è trasgressivo), ultima frullata e trasferisco in una ciotola di porcellana. Qui aggiungo il sale, un pizzico di peperoncino e un pizzico di merkén (altra trasgressione).
Poi aggiungo il succo di mezzo limone o anche meno, a seconda della grandezza del frutto. E trasgredisco nuovamente, non mi va di usare l’aceto, il cui consumo riduco sempre allo stretto indispensabile. E cioè mai nelle insalate dove metto il limone, raramente me lo concedo nell’agrodolce, e poi ne uso per bollire gli ortaggi per fare le conserve sott’olio.

Infine il tocco finale della trasgressione: un cucchiaio di alghe nori tritate! Queste semplicemente perché sono oltre la scadenza e le voglio smaltire!

Lascio in frigo solo il tempo di mangiarmi una deliziosa fetta di cocomero e poi accompagno con qualche chips di mais… stavolta una trasgressione al crudismo integrale che faccio all’ora di pranzo! Ma sostituendo con listerelle di sedano e peperone si ha il gaspacho completamente crudista! Inserisco quindi questa ricetta nella sezione “ricette crudiste” e mi scuso con gli amici crudisti integrali per la mia debole trasgressione… (scusa Cris! ma so che tu sarai comprensiva!).

Per farmi perdonare pubblico qui un succo di pomodoro con qualche erba aromatica accompagnato da gambi di sedano, un altro dei miei pranzetti estivi.

Adoro il succo di pomodoro! anche semplicemente condito con sale, olio, peperoncino e polvere di basilico secca al posto del pepe! Spesso provo a chiederlo nei bar, ricordandomi che negli anni Settanta quando ero piccola mio padre ogni tanto l’ordinava e così ho scoperto una vera delizia! Ma oggi non si trova quasi più da nessuna parte… Per fortuna ogni tanto possiamo farcelo in casa!

E quanto sono belli i pomodori! Come dicevo a Stefano ho scoperto che in questo tipo di pomodorini si cela l’immagine della farfalla! e anche dell’ascia bipenne neolitica! Date un’occhiata alle farfalle biodiverse

E come mi piace la loro stellina-picciolo! Mi dispiace così tanto buttarla!

Ma torniamo all’argomento di questo post: la depurazione e il ritorno all’equilibrio… infatti ultimamente ho ricevuto dal mio corpo un segnale che stavo superando la soglia della tollerabilità, una dermatite allergica provocata dall’henné (lawsonia e indigo) in forma leggera che mi ha dato prurito, secchezza e gonfiore all’attaccatura dei capelli sul collo e sulle orecchie. Il medico di famiglia mi voleva dare una cura a base di pomata cortisonica, e lo ringrazio perché grazie a lui ho capito che dovevo variare qualcosa nel mio stile di vita, alimentare ma non solo! Ma la cura farmacologica non l’ho fatta e ho preferito dare una assestatina al mio stile alimentare. Aumentando le porzioni di frutta e di verdura cruda, e limitando il cotto a una volta al giorno in forma molto leggera (vapore, in umido), limitando al massimo il tempo di cottura.

Dopo qualche giorno di semicrudismo e di impacchi a base di argilla la situazione è già migliorata, ma mi sono resa conto che non potrò più fare l’henné (così mi ha consigliato Valdo Vaccaro) e che dovrò tagliare la mia fluentissima chioma… anche se Cris mi ha consigliato di provare con il mallo, il taglio non è evitabile… eventualmente la prova la farò sul capello tornato al naturale. Ma se posso evitare ogni genere di tintura seppure vegetale ne sarei più contenta!  Quindi oltre alla depurazione c’è un cambiamento di look in vista! Speriamo bene!

Vi lascio con qualche foto dei piattini crudi che devo dire la verità mi stanno piacendo sempre di più…

Fiori di zucca crudi con ricotta di pecora nera (qui a base di mandorle), con contorno di zucchina e pomodoro frullati, insaporiti con un pesto artigianale di finocchiella che Stefano ha comprato al mercatino di Terra e mani… da leccarsi i baffi! Li avevo già presentati nel piccolo popolo delle cucuzze e sono ormai diventati un classico della mia cucina di quest’estate.

E finalmente mi sono decisa a provare gli spaghetti di zucchina… per cui ho sempre nutrito un certo scetticismo… Ne ho fatto una versione alla mediterranea, con salsa di pomodoro frullata con zucchina e peperoncino verde piccante… Non male… (Poi l’ho pure pubblicata: pappardelle di carote e zucchine al raw-gù).

Insalata di cavolo crauto messo a macerare un paio d’ore con sale, condito poi con zucchine e carote, comino, olio evo e umeboshi. Delizioso!

La sera non manca mai una bella insalata a foglia verde, dalla versione semplice di ogni giorno a quella mandalica dei giorni di festa, opera di Stefano (il salad-maker di casa).

Ed ecco alcuni piatti di compromesso fra cotto e crudo, per la cena! I pomodoroni-bistecca (qui li chiamano così…) ripieni di miglio e insalata di fagiolini e patata.

E infine finalmente la mia adorata crudaiola con spaghetti integrali, servita in un altro pomodorone-bistecca! Un piatto semplicissimo e scenografico!

E queste deliziose fette di pomodori le abbiamo mangiate al Giardino dei cinque sensi  ad un tavolo apparecchiato sotto un tiglio, con origano, timo e rosmarino appena raccolti! Su pane casereccio con farina integrale e lievito madre, cotto a legna…  La trasgressione glutinosa della domenica! Quello che ho evitato con il gazpacho trasgressivo l’ho recuperato qui! Per me pane, pomodoro e olio d’oliva è l’apoteosi della bontà estiva!

I piatti totalmente cotti ve li farò vedere in un altro post… qui cerco di restare sulla sponda crudista!

Vi lascio con il solito link musicale…

Fuori ricetta:

Coincidenza dell’ultima ora! Oggi (1 settembre 2011) mi è finalmente arrivata un’opera del mio amico Stephen, che attendevo da anni… La prima spedizione era fallita… Questo era il secondo tentativo: ed il ritratto di Joan Baez è finalmente arrivato a casa! Ecco la prova!

 

 

 

ago 24, 2011

Inserita da | 28 Commenti

  1. virginia dice:

    Ti diro’…. il tuo Gaspacho mi piace molto.. dev’essere fresco ed invitante, per me ottimo aperitivo !mi spiace solo per il tuo problema di allergia: la tua bella chioma ricrescerà piu’ forte e splendente.. in fondo non sei Sansone.. aahahhhahhahe non ci sono Dalile in giro…

  2. MaVi dice:

    Se mangi prima una bella fetta di cocomero o altra frutta, col gaspacho poi ti riempi bene e non ti va nient’altro!
    Provaci!
    La chioma certamente ricrescerà (a dire il vero è ancora integra perché sto cercando da non frequentatrice di parrucchieri qualcuno che non si limiti a fare una tosatura…), vedremo poi se lasciarla andare di nuovo in lunghezza…
    Ai miei occhi ogni parrucchiera è una Dalila… anche se non sono Sansone ho sempre considerato i capelli un punto di forza!
    ;)

    • virginia dice:

      un bel taglio alla Doris Day…o à la garconne…potrebbero essere lo stesso un punto di forza! credi a me…ciao

      • MaVi dice:

        Ho dato un’occhiata in google per il taglio alla Doris Day… ma vedo che ne ha cambiati parecchi…
        credo che mi farò una roba alla Jamie Lee Curtis… incrociando le dita…
        ;)

  3. Orecchioverde dice:

    Commento del salad maker ecozoico…
    Ottimo il Gaspacho trasgressivo, la stessa Era Ecozoica può essere vista come una trasgressione alle regole imposte dal patriarcato…
    Secondo me con i capelli corti, trasgressivi rispetto alla norma, sarai bellissima!

    • MaVi dice:

      Speriamo allora trasgressivamente!
      ;)

  4. chicca66 dice:

    Non ho parole vedere tutti questi bei piatti belli e colorati non si può che avere voglia di provare a diventare crudisti, ma anch’io non riesco a portare avanti i buoni propositi anche perchè come sai due uomini da sfamare in casa sono un impedimento non da poco, e Teo poi ha ricominciato gli allenamenti e con questo caldo anche se stò cercando di fargli mangiare più verdura e frutta possibile gli faccio anche dei bei piatti di pasta sempre con tante verdure e tofu in abbondanza che a lui piace (fortunatamente qui a casa pare sia tornato il vegetariano pre vacanze, non chiede carne, anzi alla mia domanda se la voleva mi ha risposto di no) Speriamo!!!
    Spero con tutto il cuore che tu non debba tagliare la tua meravigliosa chioma, sono convinta che con i consigli di Valdo Vaccaro, che ho tra gli amici in FB e che ammiro molto, possano servirti a risolvere il problema che posso solo immaginare quanto sia fastidioso :-(
    Ps: proverò il tuo gaspacho trasgressivo, un abbraccio ovale :-)

    • MaVi dice:

      Anche per me è difficile mangiare solo crudo, anche se Stefano partecipa sempre di buon grado ai miei esperimenti culinari! Ma il pensiero va sempre alla spaghettata, lo confesso!
      Sono contenta per Teo! ma non potrebbe essere diversamente con una mamma-vegchef come te!
      La chioma la taglierò, ormai è deciso! ma tanto prima che trovo il parrucchiere a cui affidarmi mi sa che scorrerà un po’ d’acqua sotto i ponti!
      Il fastidio per fortuna l’ho avuto in forma leggerissima, penso grazie al mio stile alimentare fondamentalmente sano. Se fossi onnivora immagino ora che problemi avrei!
      Spero che il gaspacho trasgressivo sarà di tuo gradimento!
      abbraccio ovale anche a te!
      ;)

  5. Felicia dice:

    Sono rimasta letteralmente senza parole!!!! bellissimo post, bellissime ricette e ottimi suggerimenti. Non riesco a consumare tutto crudo, ma l’estate aiuta sicuramente ad inserire nella mia dieta una percentuale di crudo maggiore. Inizio sempre il pasto con il crudo mi lascia una bellissima sensazione.
    Ho acquistato il tempera verdure, mi sono divertita moltissimo a spaghettare quasi tutto, stranamente (ma poi non è così strano) molti ortaggi migliorano con un taglio diverso.
    Le zucchine sono buonissime, ottimi anche i cetrioli.
    Complimenti le foto rendono perfettamente l’idea della bontà. Ho l’acquolina in bocca, poi davanti ai fiori di zucchina ripieni….. li adoro crudi e mi mancano :-( Il gaspacho è sicuramente stuzzicante e invitante, purtroppo non amo il pomodoro, l’unico ortaggio che proprio non riesco a mangiare. E’ una grave mancanza, ogni anno ci provo ma è impossibile non mi piace :-( un bacione

    • MaVi dice:

      Sì è vero, l’estate diventiamo tutti un po’ più crudisti, per cui basta accentuare un po’ questa naturale tendenza! E comunque anch’io come te mangio sempre frutta e verdura cruda a inizio pasto!
      Come mai ti mancano i fiori di zucchina? è finita la produzione del tuo orto?
      Certo se non ti piace il pomodoro questo non è proprio il post indicato per te! Ma secondo me non devi forzarti a mangiarlo se il tuo organismo li rifiuta, ci sarà una ragione. Prova a farti il gaspacho con un’altra trasgressione: con tutti gli ingredienti tranne il pomodoro! secondo me viene comunque buono, se usi il peperone rosso dovrebbe venire anche un colore simile.
      abbraccio ovale!
      ;)

      • Felicia dice:

        La produzione delle zucchine “normali” è finita da molto, quando prepariamo l’orto cerchiamo di avere sempre gli ortaggi a disposizione. Si inizia con le zucchine classiche, dopo qualche settimana si semina la trombetta di Albenga più resistenza e con la produzione più lunga, così riusciamo ad arrivare alle prime produzioni autunnali. Quest’anno abbiamo fatto un’eccezione, visto il clima ancora caldo abbiamo provato a piantare ancora la zucchina classica. Speriamo bene, non mi dispiacerebbe prolungare ulteriormente la produzione di ortaggi propri, forse riesco a ridurre il tempo di transizione tra una stagione e l’altra. Se va tutto bene avrò ancora a disposizione i fiori di zucchina!!!!
        Quanche anno fa è comparsa “improvvisamente” l’allergia ai peperoni, non riesco neppuro ad avvicinarmi, solo l’odore mi fa mancare l’aria, non riesco a respirare…., da allora piano piano il mio corpo ha rifiutato anche le melanzane, quest’anno non sono riuscita a mangiarle :-( hai proprio ragione, bisogna assecondare il desiderio del corpo, bisogna ascoltarsi, i segnali arrivano sempre chiari e precisi, dobbiamo solo coglierli :-)

        • MaVi dice:

          Hai fatto bene a provare a ripiantare le zucchine così speriamo durino fino all’autunno! e potrai goderti qualche altro fiorellino!
          Per il tuo gaspacho allora niente pomodori e peperoni, diventa uno tzatziki trasgressivo, solo con cetriolo! magari con rapa rossa…
          Meno male che almeno con le zucchine hai un ottimo rapporto!
          ;)

  6. violetta dice:

    Che fame che mi hai fatto venire con tutti questi piatti quasi crudisti. Io purtroppo non riesco a mangiare crudo neanche in estate ma mi sa che mi devo sforzare! Bravissima

    • MaVi dice:

      Dai una bella fetta di cocomero fresca e un’insalatina d’estate sono il massimo! non è un grande sforzo, vedrai! e il tuo corpo ne sarà riconoscente!
      ;)

  7. nicole dice:

    bello, bello, bello questo post!
    il gaspacho lo copio seduta stante!
    nicole :)

    • MaVi dice:

      ti avrei riconosciuto anche senza la firma! Che bella sorpresa! Benvenuta nella cucina ecozoica Nicole!
      ;)

  8. Mimì dice:

    Il gaspacho non l’ho mai preparato, la tua versione crudista potrebbe essere l’inzio per un buon esperimento!
    Come sai anchì’io ho riniziato, già da inizio estate anche senza dirlo, il mio periodo crudista… Diventare crudista è il mio obiettivo, io vivrei di sola frutta… Senza la quale mi sentirei veramente morire… Ne mangio a kg ogni giorno, e non esagero quando dico kg… La mia famiglia ed Adry lo sanno bene, ovviamente i benefici sono moltissimi e si percepiscono fin dall’inizio, qualche eccezione cotta la faccio… Ma solo per quanto riguarda la verdura… Per il resto, visto anche il caldo, ne faccio volentieri a meno… Dimenticavo, i legumi sono un altro dei miei alimenti preferiti, qualche eccezione settimanale me la concedo… Non più di 2 volte però :)

    Riguardo la chioma, sarai comunque bellissima come dice anche Stefano, anche se come sai ti preferisco con la chioma fluente e lunga… Sarà che amo i capelli lunghi!!! ^_^

    • MaVi dice:

      Mah, io proprio crudista non credo che diventerò mai, magari solo d’estate… però certamente il crudo alla mia tavola non mancherà mai in nessuna stagione, si comincia il pasto con la frutta e si prosegue con una verdura cruda in qualunque forma.
      E poi una pietanzina cotta… più o meno trasgressiva.
      Ora però sto dando la prevalenza al crudo e non mi dispiace. Fare colazione con i fichi non è affatto male!
      Anche il tuo stile alimentare è ottimo, pur con qualche concessione alle verdure cotte!
      Hai ragione anch’io preferisco le fluenti chiome… ma sarà solo un corto temporaneo (spero)!
      ;)

  9. Akentos dice:

    MaVi, che bello leggere questo racconto, non puoi capire le emozioni, la nostalgia.
    Ricordo quando con curiosità ti chiesi quale fosse il motivo per cui iniziavi il pasto con la frutta…i miei primi passi da vegan, quando mi insegnasti a inserire le faccine ed a fare gli hamburgher :) …mi sembra sia tanto tempo fa, ma sono solo 15 mesi (i più consapevolmente felici), da allora ln pranzo di sola frutta e le meie giornate spesso di solo crudo…le faccine faccio ancora fatica ad inserirle :mrgreen:
    Questa ricetta è bellissima, il mio corpo da tanti anni rifiuta il cetriolo, per cui passo.
    Concordo con te nel dire che pane, olio e pomodoro siano tra le cose migliori che esistano, infatti l’ultima foto dei tuoi poodori è strepitosa.
    Mi spiace per i tuoi capelli, che ricordo in quella foto con una mia sosia ;) comunque sono certa che quando li taglierai sarai ugualmente radiosa.
    Un abbraccio a Stefano

    • MaVi dice:

      Ake ciaooooo!
      è un’emozione anche per me ricordare le tue prime visite alle mie ricette! vedo che ormai con le faccine te la cavi bene, dai!
      Perché rinunciare a questa bontà cruda? basta omettere il cetriolo e avrai anche tu il gaspacho trasgressivo a tua misura! potresti sostituirlo con una piccola zucchina tenera!
      Sì sì pane e pummarola sono fra le mie cose preferite, ma quest’anno purtroppo ne sto mangiando pochissimo!
      Speriamo di superare bene il trauma della perdita della chioma…
      hehehehehe troppo forte, me la ricordo bene la tua sosia! molto trasgressiva!
      a presto!
      ;)

  10. Akentos dice:

    MaVi, rinuncio, c’è anche la cipolla che cruda non riesco a mangiare :( ma non importa, è stato comunque bello leggerlo ;)
    La mia sosia era…imponente :)
    Sarà possibile vedere il tuo nuovo taglio?…la faccina ammiccante e speranzosa immaginala

    • MaVi dice:

      Secondo me potresti provare a farlo con gli ingredienti che gradisci, sostituisci e fai la tua versione trasgressiva! La parola “rinunciare” non mi piace!
      La somiglianza della sosia in realtà dovrei ancora verificarla…
      se il taglio si farà prima o poi sarà visibile!
      anche a me piacerebbe vedere e non solo immaginare la tua faccina ammiccante e speranzosa!
      ;)
      p.s. il tuo faccinario ormai si è ampliato alla grande!

  11. Luu dice:

    Ciao MaVi, ho trovato il tuo sito perché sono in cammino da una alimentazione vegana ad una crudista :) in pratica mangio frutta per tutto il giorno e faccio un pasto cotto vegano alla sera (preceduto da una bella insalatona Valdiana).
    Anch’io non riesco a fare il grande salto e abbandonare completamente il cotto, le bruschette al pomodoro, profumate di aglio hanno un loro perché :) :) e poi vivo con una figlia carnivora che già fatica ad accettare “tutta questa verdura e legumi” (in parte è vegana e non lo sa…eh ehe) ma col passaggio al crudismo la perderei del tutto… un abbraccio, grazie di questo bellissimo sito :)

    • MaVi dice:

      Ciao Luu
      noi abbiamo capito che il crudismo fruttariano rappresenta la perfezione: ma sappiamo anche bene che nessuno è perfetto… e quindi tendiamo in una direzione giusta con tutte le nostre umane debolezze! Mi pare giusto che tu cerchi una mediazione alimentare con tua figlia, il cibo è anche una forma di comunicazione, quindi ti capisco molto bene. Vedrai che pian piano per tua figlia diventerai un punto di riferimento!
      ti ringrazio dei complimenti che accetto a nome di tutto il magnifico gruppo di persone che fa parte di Cucina ecozoica in vario modo!
      abbraccio ovale
      ;)

  12. Anto dice:

    W il tuo gazpacho trasgressivo!!!! Secondo me piacerebbe molto anche agli amici spagnoli più intransigenti!!!! ;-)

    • MaVi dice:

      Puoi provare a propinarglielo al prossimo viaggio e poi mi dici! :lol:
      ;)

  13. cris dice:

    waw che buono, vìche bello, che spettacolo il ritratto!!!!

    beh…è andato tutto benone :)
    crudo, cotto, capelli e pomodori, che adoro e sbafo a quintali funché ci sono :)

    • MaVi dice:

      Pomodori a quintali ne ho proprio ora in cucina, sto facendo la seconda parte della provvista di salsa!
      E poi con gli avanzi ci scapperà senz’altro un gazpacho d’addio all’estate mai nata di quest’anno… senza dimenticare una quasi panzanella e un’insalata al modo di mio papà (che frullata è pure una delizia, come sai).
      ;)

Trackbacks/Pingbacks

  1. Tagliatelle spiruline al sesamo | Magie Vegan di Chicca - [...] dicevo a MaVi in un commento al suo  gaspacho trasgressivo i buoni propositi per mangiare il più crudo possibile si ...

Inserisci un commento!


cinque + 7 =