D-Libro e me

Questo sito si è trasformato in un libro cartaceo:

Ecco il post di presentazione.

Qui la scheda bibliografica.

Qui una breve rassegna stampa: Cosa dicono di Vongole felici e della Cucina ecozoica.

Qualche intervista.

Ho radunato nel libro cinque anni di attività costante di “ricettara” internautica. Buona lettura!

 

In poche righe tento di presentarmi…

 

Mi piace ascoltare.

Mi esercito traducendo testi da lingue straniere. Quando si imparano le lingue per capire bisogna davvero sforzarsi di ascoltare, cosa che nella propria lingua spesso diventa un optional.


Mi piace guardare.
Mi piace contemplare gli spettacoli della terra e del cielo, e soprattutto avverto il fascino di quegli eterni movimenti ciclici celesti che sono le rivoluzioni solari, lunari, planetarie, le traslazioni siderali e galattiche, la precessione degli equinozi… a cui sulla Terra rispondono le stagioni, le maree, le variazioni dei campi elettromagnetici.


Mi piace sentire gli odori, gustare i sapori e toccare tutto con le mani.


Adoro cucinare! E un gioco di alchimie con le materie naturali e nutritive e al tempo stesso una preghiera alla madre Terra, in cui i sensi incontrano la cultura, la memoria e oggi anche la consapevolezza ecologica.
Ascoltando e guardando ho appreso teoricamente la complessità. In cucina la metto in pratica! Tanti prodotti di provenienza disparata si uniscono e creano qualcosa di più buono di loro presi singolarmente! Ma in cucina ho appreso anche l’arte della semplicità, cioè ad apprezzare le cose genuine.


La mia coscienza veg è sempre andata di pari passo con la crescita di coscienza ecologica. Le due cose ho scoperto nel tempo essere strettamente connesse. E dunque pian piano è nata l’idea di una cucina ecozoica, cioè vegan ma non solo, ecopacifista ed ecoprofonda.
Stefano, il mio compagno, fin dall’inizio dei miei spentolamenti  crueltyfree ha visto nella mia cucina la materializzazione del sogno di un mondo armonico da noi coltivato: il mondo illustrato nel Manifesto dell’era ecozoica di Thomas Berry. Una visione ancora molto lontana da noi, ma si sa che un cammino di mille passi inizia con un passo, e noi il nostro primo passo l’abbiamo fatto!
Viviamo in un borgo della Sabina di cui abbiamo scelto di essere ri-abitanti, in attesa del momento giusto per trasferirci in campagna. O meglio, Rodni ci ospita benignamente nel suo territorio (in parte lasciatogli in eredità dall’amato Cirino di recente scomparso, il suo mammogatto) che coincide con quella che pensiamo sia casa nostra!

 

MaVi

 

La mia “specialità”, o meglio il mio divertimento, sono le

veganizzazioni di mare

La più riuscita e famosa che è finita nel titolo del mio libro-ricettario
 Spaghetti alle vongole felici,  la mia colomba di pace.
Ora anche videoricetta in Veggiechannel.

Un ringraziamento speciale a Cris=Mauschen per avermi aiutato nel percorso di gestazione e nel maternage,  e a tutte le amiche e amici-ospiti che mi hanno seguito e commentato con affetto fin dagli esordi in altra sede web, e a quelli che hanno lasciato qui una loro ricetta.

Per contatti: info@cucinaecozoica.com

 

  1. miri dice:

    Ciao, sono vegan da poco più di sei mesi e mi sono inbattuto nel vs piacevole sito.
    Senza offendere nessuno, a mio giudizio non è congruente ( ecopacifista ) col proporre ricette sapori di mare vegan …….. A voi e fatemi sapere. Grazie

    • Mimì dice:

      Ciao Miri,
      piacere mio, anzi nostro, di averti quì fra noi :) . Complimenti per la tua scelta, spero che il nostro sito ti possa aiutare a trovare ricette stuzzicanti da portare sulla tua nuova tavola vegan… ^^
      Che cosa per te non è congruente? Il fatto che la nostra cucina voglia proporre alternative di mare, che non comprendono pesce, con l’ecopacifismo? Solo per capire, io non mi sento offesa e son certa nemmeno le mie colleghe, siamo quì per condividere anche opinioni diverse, anzi ben vengano se ci sono :D

    • MaVi dice:

      Benvenuto Miri!
      Capisco la tua perplessità, molti altri vegan sono pregiudizialmente contrari ai piatti che ripropongono in chiave crueltyfree famosi piatti crudeli. Ma anche tanti onnivori di mia conoscenza si arrabbiano quando sentono che preparo carbonare vegan o spaghetti alle vongole felici! guai a profanare la Tradizione! (su questo argomento leggiti i commenti alla Matriciana ecozoica)
      Io penso che la regola di buon senso da seguire per essere ecopacifisti è: fai quello che ti pare basta che non fai del male a nessuno.
      Il sapore di mare vegan è a base di alga, un alimento accettato dall’etica vegan e molto importante sotto il profilo nutrizionale. Sinceramente a me non piacciono molto di per sé, non me le mangerei mai come piatto unico… così invece, sostituendo il pesce nei piatti di mare che mi piacevano da onnivora ho trovato il modo di integrarle nella mia dieta. E al tempo stesso ho scatenato la mia fantasia nelle preparazioni!
      Se poi consideriamo che noi mangiamo non solo con gli organi di senso, ma anche con la memoria (per cui siamo attaccati non a caso a certi piatti della tradizione onnivora), abbiamo trovato il modo vegan di soddisfare anche questa esigenza per trovare un proprio equilibrio alimentare crueltyfree (di questo si parla nel libro di Safran Foer, Se niente importa), senza sentire la mancanza di nulla. Inoltre i piatti di mare vegan risvegliano il lato ludico negli onnivori più aperti (e devo dire che sono la maggioranza!) che accettano di provare qualcosa di diverso, quindi è un modo di avvicinarli e incuriosirli alla nostra cucina, che può essere altrettanto squisita della loro seppure in modo diverso.
      Insomma, le vongole felici sono diventate nella mia esperienza un mezzo propagandistico ecopacifista! ti pare poco?
      ;)

  2. Mimì dice:

    Rispondendo a te Miri, visto che non sei passata più a leggere i nostri commenti e le nostre visioni riguardo la tua domanda-perplessità, mi appresto anch’io, come MaVi ha già fatto, a dirti e renderti noto il mio parere. Avrei preferito che ampliassi e spiegassi meglio la tua domanda, ma mi accontento e procedo con la risposta!
    Unire al nostro ricettario la categoria “ricette di mare vegan” vuol dire solo cercare, per quanto ci sia possibile, di proporre ricette alternative che non prevedano i poveri pesci nel nostro piatto e come giustappunto diceva anche MaVi, nel nostro ricettario di mare utilizziamo le alghe per insaporire i piatti e rievocare il sapore marino che ad un vegan potrebbe mancare e ad un onnivoro potrebbe interessare come alternativa dal momento in cui deciderà di avvicinarsi ad un modo di alimentarsi più consapevole e rispettoso nei riguardi di Madre Terra.
    Ora non so se tu abbia pensato che nel nostro ricettario marino ci sia del pesce animale o ti sei sentita turbata perchè credi che un vegan non debba utilizzare terminologie rievocative al linguaggio onnivoro!? Comunque, per risponderti se la domanda era questa, il linguaggio è un solo… E’ italiano, non vogliamo, perlomeno io, rievocare vecchi piatti onnivori, semplicemente scherzarci su provando a portare in tavola piatti pur sempre gustosi ed anche somiglianti ai crudeli perchè no, almeno la nostra fantasia vegana è così ampia che ci permette, come diceva anche MaVi, di portare dei pistacchi in un piatto di spaghetti rievocando alla mente onnivora le vongole marine.
    Il piatto di MaVi in questione “Spaghetti alle vongole felici” è una ricetta ormai molto nota ed apprezzata nel web, direi anche gustosa e simpatica… Non vedo che male ci sia nel provare a proporre qualcosa di alternativo e stuzzicante da portare sulle nostre tavole, facendo pur sempre riferimento a ricette onnivore.
    Ripeto che accetto il tuo parere e la tua critica, ben vengano se ci sono…
    Ora aspettiamo una tua risposta però ;)

  3. Ester dice:

    Complimenti per il tuo libro.

  4. Nancy Nurse dice:

    Hi,

    Would love to join your email list, but do you have an ENGLISH version please?

    Thank you!

    Nancy
    County Cork, Ireland

Trackbacks/Pingbacks

  1. Vongole felici: cos'è la cucina ecozoica che si ispira ai cicli naturali - Città di NapoliCittà di Napoli - [...] che le cose cominciano a farsi più chiare, dunque: in questo libro – molto ben realizzato, c’è da dire, ...
  2. Vongole felici: cos’è la cucina ecozoica che si ispira ai cicli naturali | Like24 - [...] che le cose cominciano a farsi più chiare, dunque: in questo libro – molto ben realizzato, c’è da dire, ...
  3. Vongole felici: cos’è la cucina ecozoica che si ispira ai cicli naturali | Il Blog di Sardegna da Mangiare - [...] che le cose cominciano a farsi più chiare, dunque: in questo libro – molto ben realizzato, c’è da dire, ...

Inserisci un commento!


7 × cinque =