ago 30, 2011

Inserita da | 2 Commenti

Laboratorio della sfoglia biodiversa

Laboratorio della sfoglia biodiversa

Esattamente un anno fa… con la partecipazione di Dino, cuoco vegetariano, e Antonio detto furbettino, casalingo e padrone di casa.

Potete sentirmi nel coro della canzone che accompagna le immagini, “Il treno dell’avvenire” (da un testo di Gianni Rodari, musicato da Stefano).  Io e il mio compagno produciamo tutto in casa, con quello che c’è a disposizione! Sosteniamo a vicenda i nostri variegati percorsi creativi… Qui Stefano è anche autore della clip! Le foto le abbiamo fatte io e Dino!

Il risultato di questo laboratorio è finito in vari piatti che si vedono in questa clip e in quella sulla Cucina vegana ecopacifista (condimento: ragù Kousmine e fagiolini-lupini-pomodorini). Successiva tappa di questo laboratorio, le Farfalle biodiverse e le Farfalle biodiverse con fantasia di roveja.

Ma non credo sia finita qui…

 

 

ago 30, 2011

Inserita da | 2 Commenti

  1. Alessandra dice:

    Fantastico!mi è piaciuto moltissimo questo filmato per le immagini , per la musica complimenti Stefano e ovviamente per il contenuto sicuramente molto istruttivo.
    Ho capito che la farina la devo setacciare e poi devo stendere la sfoglia più sottile(per quello che mi rimane un po’ duretta…almeno penso di aver identificato la causa).Quanto la fai asciugare prima di cuocerla?e nel caso la cuocessi il giorno dopo come la conservi?
    Grazie alla tua bravura sono sicura che farò progressi…la family
    che assaggia tutti i miei esperimenti ti ringrazia.
    Un grandissimo abbraccio a te e a Stefano

  2. MaVi dice:

    La sfoglia impastata con acqua e farina va cotta immediatamente, senza farla asciugare! Ma questo l’ho imparato di recente e in passato spesso ho conservato a lungo queste paste, e le ho trovate comunque buone… Fai la prova anche tu, una metà sfoglia cuocila subito e l’altra conservala e prova a usarla dopo qualche giorno! Dopo l’asciugatura puoi tenerla in un barattolo di vetro.
    Brava non direi, maestre di sfoglia sono le mie nonne… forse ho ereditato un pizzico della loro maestria… ma solo un pizzico!
    Non ho il tempo per esercitarmi come vorrei!
    Ad ogni modo sono proprio contenta dei tuoi progressi pastaioli!
    Seguiranno altri post sull’argomento prima o poi…
    un abbraccio ovale a te e tutta la tua family!
    ;)

Inserisci un commento!


+ 9 = diciassette